Carezze

5 Posts Back Home

OBIETTIVI ED EMOZIONI

If you want to inspire someone to act, suggest the smallest action possible(Marie Forleo) Questa settimana è stata accompagnata da questa frase. L’ho ascoltata pronunciare dall’energica e colorata Marie in un video su youtube mentre piegavo calzini e sono corsa a prendere il mio libretto-amicofedele per appuntarla. Qualche ora prima una donna dolcissima mi parlava della difficoltà di formulare obiettivi a lungo termine e della tensione che si prova quando si sogna un programma di allenamento esaltante ma solo l’idea di infilare le scarpe sportive fa scendere la pressione e aumentare la sonnolenza. Ho pensato che le avrei potuto dire proprio questo: “Non pensare al corso di acquagym, all’allenamento in palestra o ad un qualsiasi altro corso bisettimanale. Pensa alla cosa più piccola che potresti fare per ricominciare a muoverti e a sentire il corpo che pulsa” Già, la cosa più piccola. Sembra sempre più facile aspettare il lunedì che…

I MAGNIFICI 5

Dopo un weekend di formazione in Accademia della felicità la settimana inizia con entusiasmo e passione. Ho la sensazione di percorrere la strada giusta, la motivazione alle stelle e la gratitudine di condividere questo percorso con tante donne favolose che capiscono esattamente come mi sento. Siamo una classe interessata, incline al riso e con un’insaziabile voglia di saperne di più. Ormai il nostro mantra è “Ci sarebbe un libro con cui approfondire questo argomento?” E un libro c’è sempre! Noi lo compriamo, lo scambiamo, lo condividiamo e creiamo gruppi di lettura che diventano un pretesto per condividere la vita e rafforzare la nostra amicizia. Ultimamente ne ho comprati molti e letti di più. Mi impongo di resistere, perché non smetterei mai di soddisfare la mia fame di nozioni, suggerimenti, idee che mi aiutino a comprendere come essere efficace con le donne che mi chiedono aiuto per risolvere aspetti diversi della…

GIOCARE AD ESSERE

Se è vero che talvolta mascherarsi vuol dire tirare fuori un lato di sé altrimenti celato, ripenso ai miei travestimenti del passato e un sorriso mi inarca le labbra. Sarà per quella volta che ho organizzato una serata con gli amici in discoteca indossando un abito che voleva trasformarmi in una ballerina spagnola ma che di fatto mi costringeva ad occupare tre quarti del tavolo prenotato, con disappunto notevole da parte della compagnia e un imbarazzo che ancora è vivo nei miei ricordi. O quando andai alla festa della scuola vestita da Holly Hobbie, la bambola di pezza che tutte le bambine desideravano negli anni ’80. Avevo una maschera in viso, la cuffietta di stoffa e il vestito patchwork: ero irriconoscibile! Mi sono divertita veramente tanto a scherzare con la gente nella sicurezza dell’anonimato fino a quando qualcuno mi mise una mano sulla pancia per controllare se indossassi o meno un cuscino… Non…

LA MIA COCCOLA PREFERITA (PER ORA)

La mia coccola preferita in questo momento sono i massaggi. Si, per ora. Perché di coccole ce ne sono tante e ho intenzione di provarle tutte. Ho sempre pensato di iniziare a farmi fare dei massaggi. Di solito capitava a fine estate, tra i buoni propositi per l’inverno.  Quando mi ritrovavo al mare, pigramente distesa, con la crema da spalmare come protezione per il sole o come rimedio per la pelle secca e poca voglia di farlo. Quando venivo sorpresa dalla certezza della mia cellulite in foto rubate sul bagnasciuga. Quando ancora non ero guarita dai momenti di ‘da domani a correre all’alba, crema tutte le sere, dieta detox, mi iscrivo in palestra, niente vino e prenoto trattamenti estetici settimanali’. Niente vino: chi ci crede! Tornavo a Milano, venivo rapita dalle routine consolidate e non avevo mai voglia di chiedere, cercare, trovare. Alla fine me ne dimenticavo e senza troppo dispiacere.  Quando a…

L’INIZIO DEGLI INIZI

Ci siamo. E’ il primo lunedì del primo mese del nuovo anno. L’inizio degli inizi! Che inevitabilmente porta con sé una buona dose di aspettativa, un pizzico di emozione, un paio d’etti di entusiasmo, un sacco pieno di buoni propositi e un rimorchio di ansia da prestazione. Chi vincerà? In gara, come ogni gennaio che si rispetti troviamo “quest’anno ce la farò” versus “mollerò tutto entro la metà del mese”. Mi sento euforica e già stanca. Negli anni passati ho pensato a come sarebbe stato, compilato to do list, sbirciato suggerimenti sul web o seguito minicorsi per prepararmi.  Quest’anno mi sono alzata il primo gennaio ancora rintontita dai bagordi del 31, felice di lasciare andare un anno che non mi ha permesso di realizzare tutti i miei desideri e curiosa di vedere se questa volta sarà diverso. Come se dipendesse totalmente dai quadri astrali, dalle maree o dai numeri che compongono la cifra 2019.   Ho comunque optato…

Navigate