INTUITIVE EATING 2

Come vi siete trovate con i primi 5 segreti?

Chiamarli così mi suona vagamente esoterico e anche un po’ ridicolo ma è il nome utilizzato da Kerri-Ann Jennings, autrice dell’articolo da cui ho tratto ispirazione e non vorrei avere la presunzione di passarle avanti…

Da parte mia ritengo molto rischioso chiedere a persone che per anni hanno affidato le sorti del proprio corpo a diete e prescrizioni mediche di abbandonare qualsiasi informazione acquisita fino ad oggi.

Sentirsi dire: ‘se desideri perdere peso inizia finalmente a mangiare ciò che desideri!’, sembra un paradosso.
Ma poi mi dico: se ha funzionato per me, perché non può essere utile per altri? E quando ho deciso che avrei abbandonato le diete per sempre non avevo ancora capito quanto altre persone stavano teorizzando e studiando quella che per me era solo una presa di posizione.

Ora, scopriamo insieme quali sono gli altri 5 preziosi segreti:

  1. Scoprire il fattore soddisfazione. Mangiare dovrebbe essere un’esperienza gradevole e soddisfacente. E’ possibile  accentuare questa soddisfazione rendendo speciale l’ora dei pasti attraverso la preparazione della tavola e il piacere di mangiare seduti. Se stai mangiando da sola, focalizzati sull’atto del mangiare senza distrazioni. Se sei in compagnia, impara a godere della piacevolezza di condividere un pasto con gli altri. La soddisfazione è uno degli aspetti che ti permetteranno di capire quando hai mangiato a sufficienza. Non solo, ma sapendo che puoi mangiare ogni volta che vuoi, puoi concederti il lusso di smettere prima di assaporare quel fantastico alimento: non stai compiendo un’eccezione alla dieta che non dovrà più ripetersi: Non devi finire la torta o il pane pensando che da domani ti metterai in riga. Non c’è nessun bisogno di esagerare.
  2. Onora i tuoi sentimenti senza usare il cibo. Sebbene mangiare sia molto piacevole, non è l’unica risorsa di benessere. Trova delle modalità alternative con cui coccolare le tue sensazioni, tra le quali ansia, tristezza, rabbia, noia (o rileggiti il post del 4 marzo!) che non sono collegate col cibo. Fai una passeggiata, esplora nuovi modi per accogliere le tue emozioni e prendertene cura.
  3. Rispetta il tuo corpo. Accetta e rispetta il tuo corpo per come è adesso, a prescindere dalle forme e dalla taglia che hai. E’ molto complicato respingere la mentalità di chi è sempre a dieta se si è critici in modo esagerato e poco realistico rispetto alle rotondità del proprio corpo.
  4. Fare esercizio. Senti dentro di te la differenza. L’esercizio è importante per la tua salute – e permette di bruciare calorie – ma se non ti diverti, sarà molto faticoso riuscire a farlo regolarmente. E’ necessario provare diversi modi di muoversi e di fare esercizi fino a quando non si trova quello giusto: quello cioè che ti diverte. Può essere correre, camminare, ballare, andare in bicicletta o arrampicarti in montagna. 
  5. Onora la tua salute. Quando entri in sintonia con il gusto del cibo e con le sensazione del tuo corpo mentre mangi, potrai anche notare come alcuni cibi ti fanno sentire meglio di altri. Ciò non significa che tu debba rinunciare a qualche alimento, ma esattamente il contrario. Mangerai saltuariamente ciò che ti appesantisce ma ti appaga il gusto mentre, nella scelta di alimenti quotidiani, preferirai ciò che ti farà sentire meglio e che scoprirai essere quello più salutare per il tuo corpo.

Leave A Reply

Navigate