INTUITIVE EATING

Intuitive Eating è  cogliere i segnali di appetito e sazietà e mangiare di conseguenza.

Mi piace pensare che non sia un metodo, un approccio freddo e distaccato o un esercizio comportamentale.

E’ strettamente legato invece alla consapevolezza di sé e all’importanza di saper leggere i segnali che arrivano dal corpo per codificarli nel modo più opportuno.

Mangiare ciò che si vuole diventa un esercizio di volontà: io sento che è giusto mangiare questo, ora, e lo scelgo, mantenendo una sincera connessione tra la volontà, l’identità dell’io che desidera e i messaggi del corpo.

Sento che il mio corpo ha bisogno di muoversi.

Dimentico il condizionamento di anni di regimi dietetici in cui altri hanno stabilito cosa sentire e quanta fame avere. Ascoltare le proprie esigenze in autonomia e sincerità, aiuta a perdere peso.
Ecco quali sono i primi 5 segreti dell’Alimentazione Intuitiva:

  1. Ricusare l’idea che la dieta possa essere una soluzione. La dieta fornisce delle regole preconfezionate rispetto a quando, quanto e cosa si dovrebbe mangiare. L’Intuitive Eating si basa sull’idea che nessuno meglio di te può sapere  qual’è il momento migliore per mangiare e quanto e che non esistono cibi off-limits.
  2. Onora la tua fame. La fame è il modo che ha il corpo corpo per dirti di mangiare, di procurarti uno spuntino da mettere nello stomaco prima di diventare vorace. La fame intensa viene riconosciuta mentre il languorino viene ignorato: fare attenzione ai segnali del corpo prima, durante e dopo aver mangiato, permette di prendere confidenza con i vari livelli di fame e sazietà.
  3. Fai pace con il cibo. Ci sono dei cibi da considerare off-limits? Ti senti colpevole per cosa o quanto mangi? Fare pace con il cibo vuol dire darti il permesso di mangiare quello che più ti piace per evitare l’impulso incontrollato ad ingurgitare ciò che ritieni deleterio dopo aver a lungo resistito.
  4. Sfida la modalità con cui spesso si parla di Cibo. Contesta la separazione tra cibi buoni e cibi cattivi, e liberati dall’etichetta di buona o cattiva persona in relazione a ciò che scegli di mangiare. Sbarazzarsi delle regole e dei giudizi che le accompagnano è un passo importante del mangiare intuitivamente.
  5. Rispetta il senso di pienezza. E’ importante cogliere i segnali del corpo che comunica di essere sazio. In particolare identificare il momento in cui sei piacevolmente soddisfatto: quando non sei più affamato e il cibo che hai mangiato ha perso di godibilità. Puoi fare questo prendendoti il tempo di di chiedere a te stesso che gusto ha il cibo sulla tavola e quanto pieno ti senti.*

 

 

 

*Tratto da un articolo interessante di Kerri-Ann Jennings, laureata in nutrizione presso la Columbia University e redattrice del Magazine “Eating Well”. 

Leave A Reply

Navigate